Testata

Logo Museo del Figurino Storico

Museo del Figurino Storico


Menù principale


Menù di sezione


Iniziative

Il Museo del Figurino Storico organizza periodicamente mostre, stage, incontri legati alla storia, al modellismo, al mondo delle simulazioni e dei reenactors.

Le iniziative sono realizzate in collaborazione con enti di ricerca, gruppi storici, associazioni di modellismo e possono essere svolte sia nei locali del Museo sia presso altre sedi. Il calendario è composto da appuntamenti a scadenza fissa sia da eventi legati ad anniversari e ricorrenze: tra queste ricordiamo la partecipazione alle celebrazioni per i 60 anni dalla liberazione, gli stage di arceria medioevale organizzati in collaborazione con l'associazione "Banderia Terra di Tuscia", gli incontri tra pubblico e modellisti organizzati in collaborazione con AFBIS e GPF.

una sottile linea verde

Una sottile Linea Verde

Tra le rievocazioni storiche organizzate nel castello di Calenzano, da alcuni anni se ne tiene una dedicata alla seconda guerra mondiale, nel quadro delle iniziative portate avanti dall'amministrazione comunale per parlare di Storia, dall'Evo Antico ai tempi più recenti.
In genere il programma della manifestazione vede lo svolgimento di numerose attività, tra le quali conferenze di storia, mostre di modelli in scala, documenti, uniformi e reperti, visite guidate ai campi militari e a un rifugio antiaereo realizzato questo sulla base della normativa italiana del 1941, il nascondiglio di una banda di partigiani, il posto di ristoro che serve pasti in continuazione, il punto informativo a disposizione del pubblico, lo spettacolo musicale con l'esecuzione di brani dell'epoca, raduni di veicoli storici.

A cento anni dalla Grande Guerra di Daniele Guglielmi

A partire da gennaio 2015 il percorso dedicato al primo conflitto mondiale presente all'interno del Museo Comunale del Figurino Storico è stato ampliato, in occasione della ricorrenza del centenario dell'inizio delle ostilità nel 1914 e dell'entrata dell'Italia in guerra l'anno seguente. Sono stati perciò esposti reperti, uniformi, documenti, decorazioni (comprese alcune medaglie d'oro originali), mappe, quadri, fotografie inedite e molte riproduzioni in scala, che si sono aggiunti agli oggetti presenti in modo permanente.
Particolare attenzione è stata riservata alla didattica e alle scuole; in alcune occasioni i visitatori sono stati accolti da reenactor in uniforme o abito civile dell'epoca, che fungevano da guida e leggevano commoventi lettere inviate al e dal fronte, interagendo con il pubblico e rispondendo a domande storiche e di costume.
Il programma ha incluso anche quattro conferenze, tenute dai professori Franco Cardini, Ugo Barlozzetti, Fabrizio Trallori e dall'ingegner Francesco Chierchia, oltre a proiezioni di filmati, ricostruzioni di scontri tramite il wargame e la presentazione di novità editoriali. La sezione modellistica è stata curata dal Gruppo Plastimodellismo Fiorentino, mentre quella storica e organizzativa ha potuto contare su molti volontari coordinati dall'Associazione Turistica Calenzano.
Tra i modellisti che hanno prestato i loro pezzi segnaliamo Emilio Castro di Calenzano, Marco Lambertucci de La Condotta di Firenze, i membri del Club Modellisti Scaligeri, dell'Unione Modellisti Perugini, del Club Ludico Aglianese, dell'ASCEV di Empoli, oltre naturalmente a quelli del GPF. Prezioso è stato il contributo dato da alcuni collezionisti di militaria, da famiglie della zona (che hanno prestato immagini e reperti lasciati dai propri congiunti), dal Museo della Linea Gotica di Montemurlo, dall'Associazione Sentinelle del Lagazuoi e da numerose Associazioni d'Arma.
Un ringraziamento a chiunque abbia contribuito all'evento, che in giugno è stato affiancato da quello dedicato al bicentenario dalla battaglia di Waterloo, in attesa della mostra in ottobre per i 600 anni da Agincourt.


Lezione di pittura Mostra sulla Linea Gotica, organizzata nel 2005, in occasione del 60�?? anniversario dalla liberazione d'Italia
 

Copyright © Museo del Figurino Storico